Eleonora Reffo


“Abitare una camera, che cos’è? Abitare un luogo, vuol dire impossessarsene? Che significa impossessarsi di un luogo? A partire da quando un luogo diventa veramente vostro?”

Georges Perec, Specie di Spazi, 1974


12 dicembre 2020
Eleonora Reffo, civico 10 Piazza de Gasperi

Nota curatoriale a margine

I suoni che ricordano casa generano la dimensione che addomestica, situa e suggerisce. Trasferiti su carta, diventano altro da sé: significanti che amplificano l’atmosfera sonora dello spazio del civico 10 nel quale sono ora inseriti (e di cui han preso possesso?), rendendolo “udibile” anche da fuori le vetrine.
I segni lasciati da Eleonora Reffo, stratificati ai tappeti e i tessuti sospesi di Alessio Mazzaro, sovrappongono una dimora sull’altra: cuciti assieme, gli elementi abitativi contribuiscono a una narrazione irregolare, impossibile da incasellare e dunque generativa, che attende di essere ribaltata o riconfigurata ulteriormente.